Il vescovo che battezza i fedeli con la birra

Il vescovo che battezza i fedeli con la birra

In Sudafrica, un vescovo ha deciso di battezzare i suoi fedeli con… la birra. No, non è una battuta. Ha deciso di proporre un battesimo alternativo. Sembra una storia inventata, pazzesca, ma dobbiamo dirvi subito che non è una bufala. Stiamo parlando di una chiesa del Sudafrica, che si chiama Gabola, e il nome del vescovo è Tsietsi Makiti. Perché ha deciso di battezzare i suoi fedeli con una bevanda alcolica?

Il vescovo che battezza i fedeli con la birra

“Gesù ha trasformato l’acqua in vino, no? Allora perché non dovrei battezzare i miei fedeli con una bevanda che li rende felici?” Ovviamente, il vescovo è stato a lungo interrogato sulla sua scelta insolita; è stato anche aspramente criticato. Tuttavia, i fedeli della Chiesa Gabola hanno accolto in modo molto positivo la sua scelta e, anzi, non se ne lamentano affatto. A dimostrazione di ciò che vi stiamo dicendo, negli ultimi mesi più di 500 fedeli hanno deciso di frequentare la sua chiesa e di partecipare attivamente alle funzioni.

Sudafrica: un vescovo ha deciso di battezzare i fedeli con la birra!

Un’altra piccola curiosità riguarda proprio il nome della Chiesa: Gabola, infatti, si può tradurre in italiano con il termine “bere”, dal dialetto Tswana. C’è solo un piccolo “ma”: il Vescovo Tsietsi Makiti ha deciso di permettere solo agli uomini di partecipare alle funzioni. Il motivo? No, nessuna discriminazione verso le donne: anzi, è stata una decisione molto ponderata e anche giusta, a nostro parere.

“Per adesso, la nostra Chiesa accoglie esclusivamente i fedeli uomini. Spero un domani di trovare un modo per aprire le porte anche alle donne. La mia preoccupazione è che gli uomini possano esagerare un tantino. Vorrei solo evitare e prevenire qualche atteggiamento poco carino nei confronti delle donne da parte degli uomini. Alla fine, parliamo sempre di una bevanda con gradazione alcolica.”

Che ne pensate? Voi ci andreste?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *