Gli ultimi richiami alimentari: listeria e non solo, attenzione a questi prodotti

Gli ultimi richiami alimentari: listeria e non solo, attenzione a questi prodotti

I richiami alimentari della settimana: listeria e non solo.

Sono diversi i richiami di prodotti alimentari che nelle ultime settimane sono intervenuti sia per iniziativa delle aziende che del Ministero della Salute. Li riportiamo sommariamente qui di seguito.

Gli ultimi richiami alimentari: listeria e non solo, attenzione a questi prodotti

Gli ultimi richiami alimentari: listeria e non solo, attenzione a questi prodotti

I richiami alimentari della settimana: listeria e non solo

Innanzitutto abbiamo l’integratore alimentare Mycli Suplus H24 Micro Omega 3.0. I lotti oggetto del provvedimento di  richiamo sono i seguenti: U149371, U149370, 22P0068 (confezione da 10 compresse/280 g, confezione da 60 compresse/96 g) con scadenza a maggio del 2025. Il motivo del richiamo è per un sovradosaggio di vitamina A e D e per la presenza di vitamina A oltre i limiti di legge.

Mycli Suplus Micro Omega 3.0 (idem come sopra). Il lotto oggetto di ritiro dagli scaffali è il P2107043 (è la confezione da 180 compresse, 280) con scadenza al mesi di marzo del 2023. Il motivo del richiamo è lo stesso menzionato sopra: sovradosaggio di vitamina A e D, vitamina A oltre i limiti di legge;

Non solo integratori, anche mandorle fritte con zucchero, miele e sale. La marca è Sol & Mar. I lotti coinvolti dal provvedimento di ritiro dai negozi sono: Termine Minimo di Conservazione: 1114186, 05/04/2023 – TMC: 1114407, 02/05/2023; TMC: 1114543, 19/05/2023 (confezioni da 150 grammi). Il motivo del ritiro è per una “possibile contaminazione da corpi estranei metallici”.

Infine sono state espunte dagli espositori anche le Gallette di riso giganti Carrefour Bio. I lotti coinvolti dal provvedimento sono i seguenti: R22159A e R22160A (rispettivamente con Tmc 09/06/2023 e 10/06/2023, in confezioni da 200 g).

Alquanto serio il motivo del richiamo: possibile presenza di micotossine.

Come si vede, le autorità di vigilanza sulla sicurezza alimentare sono sempre attente e intervengono con prontezza quando si manifestano possibili fonti di contaminazione sia in prodotti alimentari che medicinali (o più esattamente, come nei casi indicati sopra, para-medicinali).

Sono tante le cose che non funzionano nel nostro Paese, ma per fortuna la vigilanza alimentare non è una di queste.