Una moneta da 1 euro può valere 18.000Є? Ecco i dettagli che la rendono preziosa

Una moneta da 1 euro può valere 18.000Є? Ecco i dettagli che la rendono preziosa

Una moneta da 1 euro può valere 18.000Є? Ecco i dettagli che la rendono preziosa

L’uscita delle monete da 1€, ha fatto sì che diventasse molto velocemente una delle monete più facilmente riconosciute nella valuta comunitaria. Alla fine del 20° secolo sono uscite le prime raffigurazioni delle monete e delle banconote in formato cartaceo, ma sono state utilizzate per la prima volta nell’anno 2002. Alcuni esemplari con difetti di conio sono quotate tantissimo per gli appassionati, scopriamo cosa le differenzia dalle “normali”.

Una moneta da 1 euro può valere 18.000Є? Ecco i dettagli che la rendono preziosa

Una moneta da 1 euro può valere 18.000Є? Ecco i dettagli che la rendono preziosa

Le monete da 1€ si riconoscono subito, perché sono bimetalliche, e cioè nella parte interna sono formate da una lega di rame e nichel, mentre nella parte esterna sono formate da una lega di nichel e ottone.

Le varie Nazioni che l’hanno usata, hanno poi scelto varie figure diverse per le loro monete, quindi questo è andato ad aumentare sempre di più l’interesse dei collezionisti verso queste monete diverse tra loro. 

L’Italia nel 2002 sulla moneta da 1€ ha scelto di raffigurare un’opera famosa di Leonardo Da Vinci, e cioè l’uomo Vitruviano, andiamo a vedere gli altri Stati quali figure hanno scelto di raffigurare.

Una delle monete da 1€ coniate più interessanti è quella della Città Del Vaticano, e in particolare quella della prima serie (2002-2005), che raffigura il Papa Giovanni Paolo II di profilo, e che se tenuta in ottime condizioni può valere circa 90€.

Un’altra molto importante è quella del Principato Di Monaco, soprattutto quelle del 2009 e del 2013, che rappresentano il volto di Alberto II di profilo, e anch’esse se tenute in ottime condizioni valgono dai 40 ai 70€. Molto interessanti sono anche quelle monete da 1€ che hanno delle particolari caratteristiche, che sono state sbagliate durante la coniatura, ed è per questo che sono rare e particolari e valgono di più.

Le più costose e ricercate

Un errore di conio che si può vedere sulle uscite di quelle italiane, è relativo all’assenza del simbolo della repubblica italiana, e cioè la lettera “R”, quindi un errore di conio molto visibile e alquanto raro. Infatti alcune di queste monete sono state vendute all’asta con cifre molto alte di quelle che abbiamo visto prima, e ci sono stati alcuni esemplari che sono stati venduti alla cifra di oltre 2.000€, ma per i collezionisti veri queste cifre sono una passeggiata.

Di fatti, ci sono casi in cui su alcune monete sono presenti errori di conio estremi, e nonostante ciò, sono state emesse in circolazione, eludendo i severi controlli delle zecche di riferimento. Una moneta del genere può raggiungere somme allucinanti, proprio come questa, presente in un inserzione di un noto sito di e-commerce. Monete simili, in base alla tipologia d’errore, possono superare tranquillamente i 20.000 euro, essendo esemplari più unici che rari, e che per via dei costi elevati possono andare a far parte solo delle collezioni d’élite.

Ricordiamo sempre che, sia per chi acquista questo genere di monete rare e costose, sia per chi vende, è sempre fondamentale farsi certificare la moneta da un esperto numismatico, il quale, in base alle sue conoscenze ed all’esperienza, riuscirà a stabilire il giusto valore al prezioso oggetto.