Credit: via screenshot

Robot esegue per la prima volta intervento di chirurgia senza assistenza. Il video

Robot esegue per la prima volta intervento di chirurgia senza assistenza. Il video

Qualche tempo fa abbiamo parlato di come alcuni lavori, in un futuro non troppo lontano, saranno soppiantati da macchine e robot. Tra questi vi era anche la figura del medico chirurgo. La notizia Ansa di oggi non fa che confermare questa tendenza e anzi, anticipare questo evento. Stiamo parlando del primo intervento chirurgico fatto in autonomia da un robot, senza l’intervento o aiuto di personale medico umano.

Robot esegue per la prima volta intervento di chirurgia senza assistenza. Il video
Credit: via screenshot

Intervento chirurgico fatto senza medici

Si tratta di un’operazione di laparoscopia fatta su maiali il primo intervento eseguito senza ausilio di personale umano ma compiuto interamente da robot. L’operazione, eseguita appunto senza aiuto di personale medico è stata fatta utilizzando un robot sviluppato dai ricercatori dell’università americana Johns Hopkins. Il macchinario, battezzato Star – Smart Tissue Autonomus Robot, è riuscito ad intervenire con una precisione  migliore di quella delle mani umane. 

“E’ un passo davvero molto importante per l’intero settore della chirurgia robotica” è quello che dice il responsabile del Laboratorio di robotica dell’Istituto Italiano di Tecnologia – Iit – Leonardo De Mattos. L’esperto ha poi continuato dicendo che “I robot possono dare importanti miglioramenti in operazioni molto delicate, in cui l’alta precisione può fare davvero la differenza. Non si tratta di sostituire gli umani ma affiancare il chirurgo in questioni delicate”

Come ha operato il robot

I ricercatori, dopo aver sviluppato il robot, hanno voluto testarlo facendo eseguire al macchinario un’operazione alquanto delicata e in cui è richiesta la massima precisione: la riconnessione di due estremità di intestino.

Per essere certi che il risultato non fosse legato al caso o alla fortuna l’intervento è stato eseguito su quattro animali diversi. “Star ha prodotto risultati significativamente migliori rispetto agli esseri umani che eseguono la stessa procedura”, ha detto  Axel Krieger, ingegnere meccanico che ha guidato il lavoro.

La scelta del tipo di intervento non è stata fatta a caso. La chirurgia dei tessuti molli è una tra le più difficili, specie per un robot. Questo genere di intervento richiede di adattarsi rapidamente a situazioni non previste e di saper gestire ostacoli imprevisti. Basti pensare che anche il minimo tremore della mano o un punto fuori posto potrebbe causare una perdita che potrebbe avere complicazioni disastrose per il paziente sotto i ferri.

Di seguito il video YouTube di Science Daily

 

 

 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *