Ricordi la 2 lire? Se ne hai ancora una potrebbe valere migliaia di euro

Ricordi la 2 lire? Se ne hai ancora una potrebbe valere migliaia di euro

Ricordi la 2 lire? Se ne hai ancora una potrebbe valere migliaia di euro

C’è una moneta in particolare delle vecchie lire che può essere una gallina dalle uova d’oro, andiamo a scoprire di quale si tratta.

Ricordi la 2 lire? Se ne hai ancora una potrebbe valere migliaia di euro

Ricordi la 2 lire? Se ne hai ancora una potrebbe valere migliaia di euro

Ad oggi, di collezionisti appassionati di monete ce ne sono davvero tanti, a pari passo va anche il collezionismo di francobolli. Ogni paese ha le proprie regole in merito alle emissioni monetarie, ed è molto difficile poter conteggiare in termine di numeri tutte le diverse tipologie di monete esistenti.

La lira è stata una valuta molto amata, però purtroppo dal 1° Marzo 2002, circa 20 anni fa ormai è stata “cacciata via”, ed al suo posto è subentrato l’euro che ormai è la moneta che tutti utilizziamo da molti anni, ma lo sapete quando è nata la lira?

Essa è nata prima dell’Unità d’Italia, e ci sono tantissimi modelli che troviamo ancora in circolazione, perché li posseggono gli appassionati del collezionismo, oppure chi le ha semplicemente conservate per un grande valore affettivo.

Una delle monete delle vecchie lire che è stata messa un pò nel dimenticatoio è la 2 lire, che fino alla prima metà del 20° secolo è stata una valuta fondamentale, ma quando è stata divulgata la repubblica italiana è diventata solo una comune emissione.

La moneta delle 2 lire è presente in due versioni, la prima è chiamata Spiga, e la seconda Ape, tutte è due sono state realizzate in Italma che è una lega metallica che è principalmente composta da alluminio e in quel periodo era il componente più in uso.

La 2 lire Spiga è stata coniata dal 1946 al 1950, è chiamata così perché su uno dei due lati ha come raffigurazione una spiga, mentre sull’altro lato è raffigurato un contadino nel momento in cui ara il terreno, però i pezzi che hanno più valore sono quelli coniati nel 1946 e nel 1947, quelle del 1946 possono arrivare a valere dai 90€ ai 450€ solo se la moneta si trova in ottime condizioni, invece quelle del 1947 se si trovano in buone condizioni il loro valore si aggirerà sui 900€, mentre se si trovano in Fior di Conio, e debitamente periziate da esperti, possono addirittura arrivare a  valere anche 2.000€.

Gli esemplari di maggior valore

Se andiamo ancora un po’ indietro nel tempo, questa 2 lire “Vittorio Emanuele” del 1903 antecedente alla repubblica, può valere davvero tantissimo. Ne abbiamo trovate alcune sui siti di aste online, messe in vendita da esperti venditori e periziate da professionisti. Una moneta del genere può avere un valore che oscilla dai 2.000 ai 3.000 euro, con un margine di crescita del valore nel tempo davvero importante. Quindi, se ne avete ancora una, vi consigliamo di conservarla con cura!