Ecco quando non conviene fare un bonifico online. Attenzione a queste situazioni

Ecco quando non conviene fare un bonifico online. Attenzione a queste situazioni

Ecco quando non conviene fare un bonifico online. Attenzione a queste situazioni

Tra tutti i metodi di pagamento esistenti il Bonifico Bancario sembra aver perso un pò di popolarità in contrapposizione a strumenti come ricariche PostePay o pagamenti a mezzo PayPal. Forse non lo sai ma, dove possibile, sarebbe meglio preferire il bonifico bancario perchè è il metodo di pagamento più sicuro. 

Si tratta del metodo di pagamento da preferire perchè i soldi sono controllati e gestiti direttamente dalla tua banca. Per utenti malintenzionati è quasi impossibile compromettere i tuoi pagamenti a meno che da te non vengono a conoscenza dei dati bancari. Tuttavia però è bene fare attenzione in alcuni casi perchè il bonifico potrebbe essere rischioso. Scopriamo insieme quali sono questi casi.

Ecco quando non conviene fare un bonifico online. Attenzione a queste situazioni

Ecco quando non conviene fare un bonifico online. Attenzione a queste situazioni

Il problema di phishing

Esplosa soprattutto durante la pandemia da Covid-19 l’attività di phishing è un’attività con la quale utenti malintenzionati cercano di impossessarsi dei tuoi dati di accesso sensibili tra cui anche quelli bancari.

Il phishing è l’attività con cui gli aggressori inviano e-mail dannose progettate per indurre le persone a cadere in una truffa. L’intento è spesso quello di convincere gli utenti a rivelare informazioni finanziarie, credenziali di sistema o altri dati sensibili.

Il phishing è un esempio di ingegneria sociale: una raccolta di tecniche che gli artisti della truffa usano per manipolare la psicologia umana. Le tecniche di ingegneria sociale includono falsificazione, depistaggio e menzogna, che possono avere un ruolo negli attacchi di phishing. A livello di base, le e-mail di phishing utilizzano l’ingegneria sociale per incoraggiare gli utenti ad agire senza pensare alle cose.

Come nasce un’IBAN

Devi sapere che l’IBAN è il numero di identificazione bancaria con il quale viene identificato il tuo conto. Si compone di 27 cifre e la sua composizione non è casuale:

  • IT ovvero le prime due lettere indicano lo stato a cui si riferisce la banca in questo caso Italia;
  • Ci sono poi due codici di controllo, uno internazionale e uno nazionale;
  • Le successive cinque cifre appartengono al codice ABI;
  • Le altre 5 cifre appartengono al codice CAB;
  • Le restanti 12 cifre corrispondono ai conti bancari;

Il metodo SEPA

Il metodo di pagamento SEPA è stato introdotto per gestire le banche interstatali e rendere più facili i pagamenti extra nazionali.

Ecco quando non usare il bonifico

Se hai bisogno di fare pagamenti veloci che arrivino subito puoi usare l’ Instant Payments ovvero la soluzione di pagamento istantaneo dei bonifici che elimina tutti i tempi di attesa.

Ci sono situazioni in cui però è meglio non usare il bonifico come quando non sei sicuro dell’affidabilità del ricevente piuttosto che quando pensi di aver ricevuto una mail sospetta che tenda di carpire i tuoi dati di accesso.