Come calcolare il valore di un buono fruttifero facilmente

Come calcolare il valore di un buono fruttifero facilmente

Come calcolare il valore di un buono fruttifero facilmente

È possibile sapere quanto vale un Buono Fruttifero Postale senza andare alle Poste? Scopri come si fa: in due facili passaggi.

I BFP sono ancora la forma di risparmio più amata dagli italiani. Tra l’altro ne possono beneficiare anche i minorenni, grazie alla generosità di nonni e genitori.

Ma negli anni in cui maturano interessi, però, come si fa a calcolarne il valore? Vediamo di saperne di più.

Come calcolare il valore di un buono fruttifero facilmente

Come calcolare il valore di un buono fruttifero facilmente

I vantaggi offerti dai Buoni Fruttiferi Postali sono molti. Uno, per esempio, è la facilità di gestione. Eppoi il capitale è sempre garantito e aumenta a percentuali abbastanza elevate. Insomma, i BFT offrono sicurezza, in questi tempi incerti, e sono abbastanza convenienti anche come tassazione. Sono tassati al 12 e mezzo per cento e quel che più conta sono esenti dall’imposta di successione.

Ma non manca qualche nota “negativa”: per esempio il fatto che i BFP sono per lo più un investimento a “lunghissimo” termine. E anche il fatto che rispetto a qualche anno fa gli interessi sono calati parecchio molto. Come si sa, sono interessi che vengono attribuiti solo al momento del riscatto del titolo. Un vantaggio, però, è che chi li sottoscrive può controllarne lo status in ogni momento, in due passi.

Come calcolare il valore del Buono Fruttifero Postale

A emettere i Buoni Fruttiferi Postali è la Cassa Depositi e Prestiti, controllata del Ministero delle Finanze. Poste Italiane li distribuisce poi ai sottoscrittori. Per controllare lo stato dei propri BFP si può scegliere tra due possibilità. La prima è ovviamente recarsi nell’ufficio postale in cui li abbiamo sottoscritti.

L’altra è eseguire la procedura comodamente da casa, tramite computer o smartphone. È sufficiente andare nel portale della CDP e accedere alla sezione “Risparmiatori”. Dopo di che si deve cercare la voce  “Calcolo dei Rendimenti”.

Saranno richiesti una serie di dati identificativi da inserire negli appositi campi, il tipo di buono postale di cui si tratta, la data di sottoscrizione e anche l’importo nominale. Dopodiché verremo informati della data della liquidazione, del tipo di valuta e dei dati fiscali. A quel punto la piattaforma elabora i dati e ci restituisce il risultato.